Ufficio stampa: Maria Elisa Foresto
Telefono: 02 7542 3959
E-mail: foresto@sperling.it

Ballata senza nome

di Massimo Bubola

A CENTO ANNI DALLA BATTAGLIA DI CAPORETTO, UNO DEI PIÙ IMPORTANTI CANTAUTORI ITALIANI DÀ VOCE A UNA VERA E PROPRIA “ANTOLOGIA DI SPOON RIVER” DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE.

UN’OPERA DI AMPIO RESPIRO LETTERARIO, STORICO E CULTURALE, CHE RACCONTA UN MOMENTO CRUCIALE DELLA NOSTRA STORIA E RESTITUISCE LE VOCI E I SENTIMENTI DI UN’ITALIA OGGI SCOMPARSA.

ebook disponibile
Pagg.  192
Euro  17,90
Uscita:  24 ottobre 2017
LA TRAMA

È il 28 ottobre 1921. Siamo nella basilica di Aquileia. Gli occhi di tutti sono rivolti alle undici bare al centro della navata, e alla donna che le fronteggia: Maria Bergamas, che deve scegliere il feretro che verrà tumulato a Roma, nel monumento al Milite Ignoto, simbolo di tutti i soldati italiani caduti durante la Grande Guerra. Maria passa davanti a ogni bara, e ognuna le racconta una storia. Sono vicende di giovani uomini, strappati alle loro famiglie, ai loro amori, ai loro lavori, finiti a morire in una guerra durissima e feroce: contadini e cittadini, braccianti e maestri elementari, fornai, falegnami, muratori e seminaristi che parlano in latino con il nemico ferito sul campo di battaglia. Attraverso le voci di questi soldati senza nome non solo riviviamo i momenti cruciali della Grande Guerra ma riscopriamo un’Italia che oggi si può dire definitivamente scomparsa. Bubola cerca di creare una sorta di mappa dei sentimenti di allora: dall'amore coniugale a quello fraterno, dall'amore per l'Eterno a quello empio e blasfemo. In questa «ballata senza nome», fonde il suo lungo percorso di musicista con una sensibilità linguistica davvero rara: fa rinascere parole dimenticate e le armonizza, dando alla luce un’opera destinata a rimanere nel tempo, sia per il suo valore storico e culturale, sia per la sua qualità lirico-letteraria.

L'AUTORE

Massimo Bubola, nome di culto e figura centrale della musica d’autore italiana, è poeta, musicista, scrittore. Ha al suo attivo venti album che tracciano un percorso unico nella letteratura musicale del nostro Paese. Già alla fine degli anni Settanta, Bubola arriva a maturare una formula musicale ricca di suggestioni letterarie, che influenzerà la scena italiana a cominciare da Fabrizio De André, con cui scrive e compone due storici album come Rimini e L’Indiano e firmerà altre grandi canzoni popolari come Il cielo d’Irlanda. Nel 2006 ha pubblicato una raccolta di poesie Neve sugli aranci, e nel 2009 il suo primo romanzo, Rapsodia delle terre basse. Negli ultimi anni si è dedicato alla riscoperta del patrimonio artistico, musicale e storico legato alle vicende della Prima guerra mondiale. Da questo lavoro hanno avuto origine due album: Quel lungo treno e Il Testamento del Capitano, seguito dall’album antologico Da Caporetto al Piave.

DELLO STESSO AUTORE
di Massimo Bubola

A CENTO ANNI DALLA BATTAGLIA DI CAPORETTO, UNO DEI PIÙ IMPORTANTI CANTAUTORI ITALIANI DÀ VOCE A UNA VERA E PROPRIA “ANTOLOGIA DI SPOON RIVER” DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE.

UN’OPERA DI AMPIO RESPIRO LETTERARIO, STORICO E CULTURALE, CHE RACCONTA UN MOMENTO CRUCIALE DELLA NOSTRA STORIA E RESTITUISCE LE VOCI E I SENTIMENTI DI UN’ITALIA OGGI SCOMPARSA.