Ufficio stampa: Giulia Zanichelli
Telefono: 3474415077
E-mail: skstampa2@sperling.it

Scendo a scaldare la macchina(titolo provvisorio)

di Paolo Ruffini

LA MERAVIGLIOSA VITA DEI RAGAZZI DEGLI ANNI NOVANTA RACCONTATA DALL’INIMITABILE IRONIA DI PAOLO RUFFINI.

UN TUFFO NELLA MEMORIA PER CHI HA AMATO, E AMA ANCORA, IL MITICO MONDO DEL WALKMAN, DEL CIAO, DEL GAME BOY E DEL KARAOKE DI FIORELLO.

ebook disponibile
Pagg.  192
Euro  17,00
Uscita:  31 ottobre 2016
LA TRAMA

Paolo Ruffini è un ragazzo degli Anni Novanta che racconta in modo irresistibile se stesso e le generazioni di quegli anni: Bim bum bam, Super Mario e il Game Boy, le sorpresine del Mulino Bianco, le foto con la polaroid, Sailor Moon, Kurt Cobain, Mila e Shiro, i Power Rangers, le serie televisive Beverly Hills e Dawson Creek, il walkman, Bud Spencer e Terence Hill, Fiorello e il Karaoke. Un tuffo nelle passioni degli adolescenti di allora, oggi trentenni e quarantenni, che ricordano con un pizzico di nostalgia i “tempi mitici” senza smartphone e WhatsApp, in cui il papà con il borsello scendeva “a scaldare la macchina”.  Una carrellata di memorie che Ruffini condivide con uno sguardo giocoso, divertente ma anche molto acuto, e che racconta molto anche di come siamo cambiati.

L'AUTORE

Paolo Ruffini nasce il 26 novembre 1978 a Livorno. É attore, presentatore, comico e autore di testi. La prima apparizione al cinema avviene nel 1997 in Ovosodo di Paolo Virzì. Nel 2001 fonda l'Associazione Cinematografica Il Nido del Cuculo, con la quale diventa produttore di eventi e rassegne, regista di documentari e di spettacoli teatrali. Il Nido del Cuculo è conosciuto soprattutto per i ri-doppiaggi in livornese di film celebri, con circa dieci milioni di visualizzazioni su internet. Ha lavorato come VJ a Mtv, ha partecipato a numerosi film e cinepanettoni tra cui Natale con il boss e a musical come Full Monty e Cercasi Cenerentola con “La Compagnia della Rancia”, ha condotto per quattro anni Colorado in onda su Italia Uno e nel 2016 Eccezionale veramente su La7. È un collezionista seriale di VHS (ne ha circa 16.000) e di tatuaggi.