Ufficio stampa: Martina Pedroni
Telefono: 346 6342010
E-mail: martina.pedroni@consulenti.mondadori.it

Storie per chi non vuole dormire

di Esteban Labruna

UNA RACCOLTA DI NOVE STORIE CREEPYPASTA, CHE PRENDONO VITA DALLE VISCERE PIÙ OSCURE DEL WEB.

APRI LA PORTA DELLA PAURA, ENTRA NEL TERRORE E COMINCIA UN VIAGGIO IN UN MONDO DARK.


ebook disponibile
Pagg.  324
Euro  17,90
Uscita:  13 novembre 2018
LA TRAMA

Miami 2003. John è solo, come sempre, nel suo appartamento arroventato da una torrida estate. Un uomo e una donna bussano alla sua porta con una proposta che non si può rifiutare. Un lavoro pagato profumatamente e all’apparenza innocuo: sbobinare delle registrazioni e metterle su una chiavetta. Ma c’è una condizione inquietante: non dovrà MAI rivelare a nessuno ciò che ascolterà. E la condizione non è negoziabile. John ha pochi soldi, un lavoro che non gli piace e una «maledizione» che tormenta le sue notti. Così accetta, e la trascrizione comincia. Voci inquietanti raccontano storie che lo terrorizzano, lo sconvolgono ma che allo stesso tempo lo attirano in modo irresistibile in un mondo al confine della realtà, in una discesa incontrollabile verso paure inimmaginabili. Novelle dell’orrore, incubi dannatamente reali, agghiaccianti esperimenti: nove creepypasta destinate a invadere il web più profondo e a penetrare nei recessi più nascosti dell’animo e della mente del lettore, lasciando un’orma incancellabile. 

L'AUTORE

Esteban Labruna (Cadaqués, 1969) si è trasferito negli USA a soli 4 anni insieme alla famiglia e ha studiato giornalismo all’UCLA di Los Angeles. Telecronista professionista, ha seguito i principali eventi sportivi per alcuni dei network televisivi più importanti del Paese. Vive e lavora in Florida. Figlio di un geniale scrittore afflitto da una rara forma di autismo, ha ereditato dal padre numerosi romanzi e novelle, oltre a vario materiale storico. Da quelli ha estratto ed elaborato questa raccolta inedita di racconti dell’orrore e del fantastico. Si ritiene che questi siano strettamente collegati ad alcune delle creepypasta più famose, emerse dalla rete negli ultimi quindici anni.