Ufficio stampa: Margherita Crepax
Telefono: 339 2176 183
E-mail: margherita.crepax@consulenti.mondadori.it

Le donne mi chiedono

di Adriana Bonifacino con Laura Berti

DA ANNI IN PRIMA LINEA NELLA CURA E NELLA PREVENZIONE DEL TUMORE DEL SENO, ADRIANA BONIFACINO RACCOGLIE L’EREDITÀ DI CONOSCENZA, PASSIONE E UMANITA’ DEL MAESTRO UMBERTO VERONESI

ebook disponibile
Pagg.  192
Euro  17,50
Uscita:  31 marzo 2020
LA TRAMA

Sappiamo che oggi in Italia ci sono circa 800.000 persone colpite da tumore del seno. Numeri alti, che preoccupano. Perché tanti casi? Le spiegazioni ci rassicurano. Infatti, oltre all’allungamento della vita, bisogna considerare che, grazie alla crescente diffusione dei controlli, il tumore viene scoperto più frequentemente e con una maggiore precocità e così risulta più facile da affrontare e sconfiggere. Ecco perché Adriana Bonifacino da anni è impegnata, a fianco dell’attività clinica, in un tenace lavoro di divulgazione delle conoscenze mediche che l’ha portata a fondare un’associazione, ideare campagne di prevenzione, partecipare ai lavori degli organismi governativi. Raccogliendo il testimone dal suo maestro Umberto Veronesi, con uguale autorevolezza scientifica e pari forza empatica, la senologa spiega in questo libro, anche attraverso alle storie vissute dalle pazienti, i tanti aspetti dello studio, della cura e della prevenzione della malattia - dai test genetici alle terapie personalizzate, dai nuovi farmaci ai rischi ambientali e agli stili di vita. Molto importante è seguire un percorso di cura che tenga conto di tutti i fattori, da quelli terapeutici, a quelli funzionali, psicologici, affettivi ed estetici. Perché nella battaglia contro il tumore le donne possano mantenere sempre la loro integrità. 

GLI AUTORI

Adriana Bonifacino è responsabile dell’Unità di Diagnosi e Terapia in Senologia, U.O.C. di Oncologia Medica presso l’ A.O.U. Sant’Andrea  - Università Sapienza di Roma e docente della Facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza. Dal 2008 è presidente dell’associazione IncontraDonna, ha ideato la campagna nazionale di sensibilizzazione e prevenzione «Frecciarosa» in partnership con il Ministero della Salute, Ferrovie dello Stato Italiane e Farmindustria. Ha fatto parte del gruppo di lavoro del Ministero della Salute per la stesura delle linee guida dei Centri di Senologia e per le linee di indirizzo della Nutrizione in Oncologia. E’ stata delegata europea di Europa Donna. 

Laura Berti, giornalista, è approdata nel 1995 alla Rai. Dal 2002 è impegnata nella redazione scientifica della Rai, dove si occupa di temi relativi alla psichiatria, alla medicina e all’ambiente. Dal 2014 cura e conduce la rubrica Medicina 33.