Ufficio stampa: Maria Elisa Foresto
Telefono: 02 7542 3959
E-mail: foresto@sperling.it

Le buone intenzioni

di Kate Tempest

MUSICISTA, POETESSA E SCRITTRICE, KATE TEMPEST È UN'ARTISTA A TUTTO TONDO dEL MONDO ANGLOSASSONE, HA DEBUTTATO IN TOP TEN ED È STATA ACCLAMATA DALLA STAMPA INTERNAZIONALE E ITALIANA.




Traduzione di Simona Vinci 

ebook disponibile
Pagg.  336
Euro  18,50
Uscita:  28 marzo 2017
LA TRAMA

Tutto inizia dentro una macchina che sta lasciando Londra con a bordo due ragazze, Harry e Becky, un ragazzo, Leon, e una borsa piena di soldi. Stanno scappando.

Becky è una ballerina che per arrotondare fa la massaggiatrice e sta scappando dal mondo vuoto di sentimenti e pieno di cocaina dello spettacolo, dagli incontri notturni negli alberghi, dalla gelosia asfissiante del suo ragazzo. Harry, invece, spaccia cocaina, di giorno ai manager degli uffici di Londra centro, di sera alle stesse feste della Londra glamour in cui Becky cerca di conoscere qualcuno di importante. Harry scappa dalla cocaina, dai giri pericolosi e violenti in cui, chi fa un lavoro come il suo, inevitabilmente finisce. Leon è il “miglior amico e il socio in affari di Harry”. E anche lui scappa dalla strada, dalla famiglia, da una vita che non sopporta più.

E tutti e tre scappano dalle loro ambizioni frustrate, dalle loro famiglie ingrigite, dalle loro vite precarie, dalla noia senza redenzione di Londra Sud, il posto che hanno sempre chiamato “casa”. 

Da quella macchina, nel corso del romanzo, guarderemo indietro, scopriremo quali sono i mattoni che hanno costruito le vite di Harry, Becky e Leon, e vedremo come, non sempre, le buone intenzioni portano a prendere le decisioni giuste.

L'AUTRICE

"Tempest è nata nel 1985, a neanche trent'anni aveva già collezionato alcuni premi prestigiosissimi, come il Ted Hughes Award nel 2013 per il suo lavoro teatrale Brand New Ancient. Poetessa, grandissima performer di poetry-slam, drammaturga e ora romanziera. Tempest riesce a mettere insieme la tradizione poetica degli antichi, il mito e la tragedia greca, quella scespiriana e l'hip-hop. Le sue perfomances sul palco sono elettriche: voce potente e al tempo stesso dolce, sguardo disincantato e al tempo stesso carico di pietàs umana: da un estremo all'altro dunque, con un'eleganza incredibile e una cadenza impeccabile. Tempest è un'osservatrice imperdibile dei disastri psicologici ed emotivi del nostro frenetico tempo che strappa il cuore e i desideri ai più giovani e li spinge a correre, correre, correre, per raggiungere traguardi, successi, visibilità, lasciandoli spesso nudi e disperati in bilico su una vita che non fa sconti a nessuno tantomeno a loro."   Simona Vinci