Ufficio stampa: Martina Pedroni
Telefono: 02 7542 3253
E-mail: martina.pedroni@consulenti.mondadori.it

Lascia che si sporchi

di B. Brett Finlay, Marie-Claire Arrieta

UN NUOVO MODO DI CONCEPIRE LA SALUTE DEL BAMBINO.

• PERCHÉ I MICROBI INTESTINALI SONO AMICI DEL SISTEMA IMMUNITARIO

• COME «NUTRIRE» LA FLORA BATTERICA PER RINFORZARLA

• PERCHÉ L’ECCESSO DI ANTIBIOTICI È DANNOSO

• PERCHÉ UN PO’ DI SPORCO RENDE IL BAMBINO PIÙ FORTE E ALLONTANA ALLERGIE, ASMA, OBESITÀ

ebook disponibile
Pagg.  280
Euro  18,00
Uscita:  7 marzo 2017
LA TRAMA

Mettere in bocca i giocattoli, pasticciare con la terra, accarezzare gli animali sono gesti spon­tanei dei bambini che spesso i genitori scoraggiano, convinti che  lo sporco sia una minaccia per i loro piccoli. Ma i più recenti studi della microbiologia hanno scoperto che l’esposizione ai batteri è fondamentale per rinforzare quell’esercito di microrganismi benefici che abita nel nostro intestino. Se le vacci­nazioni, gli antibiotici, l’accurata conservazione dei cibi ci hanno salvato da infezioni e malattie, l’eccesso di igiene, la sterilizzazione degli oggetti, l’abuso di farmaci impo­veriscono il microbioma intestinale favorendo la predisposizione ad allergie, asma, diabete e obesità. In questo libro, due ricercatori di fama mondiale spiegano  qual è la funzione dei microrganismi e come è possibile po­tenziare lo sviluppo del sistema immunitario del bambino fin dalla gravidanza. E affrontano i dubbi più comuni: cosa fare di un ciuccio cadu­to per terra? I vaccini sono pericolosi? Perché i lattanti hanno coliche così frequenti? Una guida innovativa, autorevole, ricca di consigli pratici per crescere figli più sani, più resistenti, più energici.

GLI AUTORI

B. Brett Finlay è professore di Microbiologia alla University of British Columbia di Vancouver (Canada) e ricercatore di fama internazionale nel campo delle infezioni batteriche. È autore di oltre 400 articoli scientifici.

Marie-Claire Arrieta, microbiologa, è ricer­catrice alla University of Calgary (Canada). Dal 2007 studia la connessione fra le alterazioni intestinali e le malattie immunitarie e ha pubblicato lavori fondamentali sul ruolo del microbiota nell’asma.