Ufficio stampa: Lucia Piani
Telefono: 327 5778 817
E-mail: lucia.piani@consulenti.mondadori.it

La mafia mi rende nervoso

di Isidoro Meli

Un romanzo d’esordio spiazzante, farsesco e sboccato.

Uno stile originale e convincente. La mafia come non ve l’hanno mai raccontata. 

«Imbarcatevi nella storia di Isidoro Meli con lo stesso spirito con cui salite sulle montagne russe. E non fidatevi delle salite, perché poi piomberete nel vuoto a capofitto» - MAURIZIO DE GIOVANNI.  

ebook disponibile
Pagg.  216
Euro  17,50
Uscita:  10 maggio 2016
LA TRAMA

Vittorio Mazzola, voce narrante di questo romanzo, racconta la storia di Tommaso Traina, figlio muto di un mafioso ucciso dai “compari” che per compensare la famiglia della perdita lo assumono come portapizzini. 

Con un fratello spacciatore e campione di playstation, che al contrario di Tommaso è considerato da tutti un giovane fenomeno, e una pseudo fidanzata tossicodipendente e psicotica, Tommaso si ritrova a vivere un’esistenza popolata di personaggi improbabili e scandita da messaggi enigmatici e tragitti insensati, che hanno il solo scopo di far sprofondare nella confusione sbirri e rivali. 

Chi non va in confusione è proprio Tommaso, da tutti ritenuto analfabeta e tonto e che invece tonto non è, e nemmeno analfabeta. 

L'AUTORE

Isidoro Meli è nato e cresciuto a Palermo, città che gli ha lasciato una profonda comprensione dei concetti di decomposizione e decadenza. Dopo una breve ma non meno decadente parentesi lombarda è tornato in Sicilia, dove ha vissuto un po’ ovunque (soprattutto a Catania). Adesso vive a Trapani, ma il suo sogno è vivere a New Orleans, dove sulla decadenza e sulla decomposizione si balla.  La mafia mi rende nervoso è il suo primo romanzo.