Ufficio stampa: Elisa Impiduglia
Telefono: 02 75423303
E-mail: elisa.impiduglia@consulenti.mondadori.it

Donne che leggono libri proibiti

di Lisi Harrison

QUATTRO AMICHE, DI IERI E DI OGGI, ALLE PRESE CON IL PIACERE “PERICOLOSO” E IRRESISTIBILE DELLA LETTURA.
UN INNO AI ROMANZI COME MEZZO DI EMANCIPAZIONE, CONTRO OGNI CENSURA.
UNA STORIA CHE CON TONO LIEVE FA RIFLETTERE SUL RUOLO DELLA DONNA: COSA È CAMBIATO, QUANTA STRADA C’È ANCORA DA FARE.

ebook disponibile
Pagg.  300
Euro  17,90
LA TRAMA

Gloria, Dot, Liddy e Marjorie sono amiche inseparabili fin dai tempi del liceo. Come tutte le donne degli anni Sessanta hanno desideri che non possono confessare, professioni a cui non possono ambire e compiti che devono adempiere. Ma c’è una cosa che nessuno può negare loro: gli incontri del Club dei Libri Proibiti. Ogni venerdì di plenilunio si ritrovano, infatti, per appuntamenti segreti in cui condividono letture «scandalose» e le fantasie più intime, liberandosi finalmente da ogni tabù e ogni ipocrisia. 
Cinquant’anni dopo, la loro piccola biblioteca proibita, per una serie di coincidenze, sarà ereditata da May-June, detta M.J., Addie, Britt e Jules, quattro sconosciute che, senza preavviso, diventeranno parte del Club. Quattro donne con vite, desideri e prospettive molto diverse. Ma tutte scopriranno di avere in comune la stessa inconfessata solitudine, la stessa insoddisfazione, la stessa necessità di trovare se stesse. E tra scetticismo, tradimenti e riconciliazioni, saranno proprio gli incontri del Club dei Libri Proibiti a insegnare anche a loro il valore dell’amicizia sincera e della libertà vera: quella di essere se stesse fino in fondo.

L'AUTRICE

Lisi Harrison ha lavorato dodici anni per MTV a New York prima di mollare tutto e diventare una scrittrice a tempo pieno. Con i suoi precedenti romanzi, rivolti a un pubblico Young Adult e tradotti in 33 Paesi, ha raggiunto più volte la prima posizione della classifica del New York Times. Oggi vive con la sua famiglia a Laguna Beach, in California, dove dal 2007 fa orgogliosamente parte di un club di libri proibiti.