Ufficio stampa: Maria Elisa Foresto
Telefono: 02 7542 3959
E-mail: foresto@sperling.it

La bambina che trovava le cose perdute

di Patrizia Emilitri

DALL’INCONFONDIBILE E DELICATA PENNA DI PATRIZIA EMILITRI, LA STORIA INTENSA E SUGGESTIVA DI UNA BAMBINA SPECIALE, CAPACE DI RITROVARE GLI OGGETTI PIÙ CARI O PREZIOSI CHE LA GENTE SMARRISCE, E DI INTRECCIARE COSÌ DESIDERI E DESTINI.


ebook disponibile
Pagg.  288
Euro  16,90
Uscita:  24 aprile 2018
LA TRAMA

A Vier, un piccolo borgo sospeso nello spazio nel tempo in provincia di Trento, Noemi Rainer possiede una graziosa vineria, il Rosa Bianca – dove vende composte, sciroppi, uvetta sotto spirito, oltre, naturalmente, al vino – e nasconde un segreto. Un dono che per anni ha chiuso in un angolo del suo cuore, ma che ora, in una mattina di primavera che già profuma d’estate, torna a bussare prepotente nella sua vita. Il segnatempo che domina da più di trent’anni la piazza del paese, infatti, tutt’a un tratto è scomparso. I vieresi ci passano davanti ogni mattina e lo guardano ammirati. Qualcuno dice che è magico, qualcun altro, più devoto, è convinto che sia benedetto. Ma, si sa, ognuno vede quel che vuol vedere e ognuno crede ciò che vuol credere. Negli anni, però, a Vier si sono convinti in molti che quella scultura porti davvero fortuna, come promesso dal suo creatore. E ora va assolutamente ritrovata. C’è solo una persona che può farlo ed è lei, Noemi, la bambina, ormai adulta, con il dono: quello di ritrovare le cose perdute. 

L'AUTRICE

Patrizia Emilitri è nata in provincia di Varese, dove vive insieme al marito, i due figli e tre cani. Ha vinto numerosi premi letterari, tra i quali il Premio Chiara sezione inediti con il volume Racconti. Collabora con l’associazione culturale Le curiose e organizza corsi di scrittura. www.patriziaemilitri.it